Estasi pensierosa

Una gallina spiritualista aveva sentito dire che con duemila respiri profondi si potevano avere le visioni e raggiungere l’estasi.
Si mise all’ombra di un sambuco ed incominciò a respirare.
Quando arrivo a millenovecento respiri ebbe finalmente una visione: una donna con un vestito a fiori le si avvicinava, la prendeva per il collo e glielo stringeva forte.
Fu così che quella gallina finì dentro la pentola credendo di aver raggiunto l’estasi.

da “Le galline pensierose” di Luigi Malerba.

Annunci

Aquí está la enfermedad!

Un topo squittisce; buio e silenzio rendono il suo lamento impossibile da geolocalizzare – probabilmente fintamente vicino. Rivaluto il freddo: perlomeno dà l’impressione che l’aria nella stanza sia molta di più. I muri non collassano solo a patto che io spenga la luce.

Chissà se è il tempo. Chissà se ritarderà per la pioggia.

La predisposizione è quella dell’attesa. Ripasso a mente, le cose da fare subito prima di partire. Quando arriverà non ci sarà un secondo da perdere.

Il tempo già ci corre dietro; ci sta sul collo.

Ogni tanto, un sussulto mi scuote: il petto scatta in alto, le gambe una alla volta si staccano dal letto e vanno verso l’alto. La sensazione è quella di essere caduta improvvisamente per l’assenza di gravità.

Partiremo senza lasciarci nulla alle spalle: nessuna traccia per chi abbandona il reale in tutta clandestinità. Fors’anche sbagliato, quando una parte si è avviata non resta che intuirne la scia e seguirne i passi.

Il topo da lontanovicino ancora squittisce.

Lo squillo di un telefono  – forse è solo la mia immaginazione.

Fuera! Fuera! Aquí está la enfermedad! Aquí es la tierra de los infermos!

 

[Ultimo libro letto: Luciano Funetta, “Dalle rovine”, Tunué 2015]